Come avviare un blog (e guadagnare) nel 2020: guida definitiva per iniziare a bloggare oggi

Simone Talamo

Simone Talamo

Come creare un Blog di successo e guadagnare

Ciao imprenditore o aspirante tale. 

Saperti davanti al mio articolo a leggere quello che ho da dirti riguardo l’avvio o la promozione di un proprio progetto online, attraverso l’utilizzo di un blog, mi rende davvero soddisfatto di quello che sto facendo.

Potresti essere un professionista di qualche campo che vuole capire come promuovere al meglio i propri servizi, potresti possedere un’azienda oppure potresti essere un ragazzo che come me, vuole vivere facendo quello che più gli piace.

Magari hai perso il lavoro e stai cercando nuove opportunità, magari vuoi creare un business secondario che generi 3/4/500 € o più al mese lavorando da casa, oppure hai preso in considerazione l’idea di creare qualcosa online dopo aver subito importanti perdite durante il Lock-Down.

Di sicuro però so che se sei finito in questo articolo dopo aver cercato su Google qualcosa come “Come creare un Blog e come guadagnarci”, sei una persona abbastanza intraprendente e ti sei dato la possibilità di creare qualcosa di tuo.

Con questo articolo ti mostrerò le infinite possibilità di guadagno e di promozione dei propri prodotti/servizi che può offrirti un Blog.

Sarà un articolo lungo e ben dettagliato quindi prenditi il tempo necessario per leggerlo e se non dovessi averne a sufficienza, salva il mi sito web tra i preferiti per rileggerlo con calma.

Prima di cominciare però… ti chiedo una cortesia.

Non confondermi con tutti i finti guru che vendono corsi su come si guadagna vendendo corsi, non mi sentirai mai parlare di business online volatili o passeggeri.

Io so fare una sola cosa ma so farla bene: Aiuto le persone ad avviare e far crescere il proprio business.

Fine.

Se hai intenzione di creare un tuo business solido e duraturo, mettiti comodo e iniziamo insieme questa fantastica avventura.

Sei pronto? Cominciamo!

Da semplice Blog di Affiliazioni ad azienda da 8k/mese. La mia storia in breve

Permettimi di presentarmi e di spiegarti perché quello che ho da dirti all’interno di questo articolo può aiutarti concretamente nella creazione o promozione del tuo business.

Mi chiamo Simone Talamo e mi occupo di Web Marketing dal 2007, anno in cui era ancora difficile trovare siti web responsive (ovvero che si adattano in automatico in tutti i dispostivi).

Ho iniziato lavorando sulla creazione di siti web e dopo anni di studio e pratica mi sono evoluto proponendo ai miei clienti, strategie di crescita online.

Tutto è cominciato aprendo il mio primo blog, questo che stai leggendo, www.simonetalamo.it” che rappresentava la mia fonte di guadagno principale.

Sai… quando sei all’inizio e non hai molto budget da spendere in pubblicità a pagamento, devi trovare altre soluzioni per raggiungere i tuoi potenziali clienti.

Così decisi fin dall’inizio di sfruttare la potenza del blog. 

Scrivo articoli molto lunghi e dettagliati per posizionarmi su Google e raggiungere i miei potenziali clienti.

Poi dopo qualche tempo capii una cosa incredibile.

Pensavo di dover scrivere centinaia di articoli al mese per rendermi visibile ma non era affatto così.

Notai che anche un solo articolo ben fatto e posizionato su Google cominciava a generarmi clienti di continuo, mese dopo mese.

Per esempio improvvisamente arrivavano richieste di preventivo da una sola categoria di professionisti: gli psicologi.

Guarda caso avevo pubblicato da qualche settimana sul blog un articolo lunghissimo intitolato “promuoversi sul web come psicologo”.

Per dimostrarti che non dico scemenze, togliti il dubbio da solo/a e prova a cercare sul Google parole come “promuoversi come Psicologo” o “promuoversi sul web come Psicologo” oppure ancora “trovare clienti come Psicologo”.

Visto? 

Se non sono il primo in assoluto sono tra i primi 5 di sicuro.

Ti potresti chiedere: “Ok Simo, ma se cerco con la stessa identica parola chiave del tuo articolo sono capaci tutti”.

La domanda è giusta ma ora ti spiego come funziona.

L’articolo in questione è stato scritto con parole chiave molto competitive in cui erano presenti già centinaia di altri articoli.

La scelta del titolo infatti non l’ho decisa io, sono andato a vedere cosa cercavano le persone e ci ho scritto un articolo a riguardo.

Hai imparato quindi LA PRIMA LEZIONE.

Non puoi scrivere di quello che preferisci (o meglio, non subito) bensì devi scrivere quello che le persone vogliono leggere.

Devi rispondere alle domande che gli utenti fanno su Google

Solo così potrai ricevere traffico gratuito da parte di potenziali clienti.

Ma non è finita qui…

Nel 2018 decisi di fare di più. Decisi di mettermi in gioco di nuovo.

Decisi di aprire un secondo blog facendo quello che tante persone millantano sul web, ovvero: 

GUADAGNARE DALLA PROPRIE PASSIONI.

Wow che bella frase. Ammetto che a distanza di anni ancora mi affascina.

Attenzione! 

Non significa che non sono soddisfatto del mio lavoro principale oppure non guadagnavo abbastanza! Anzi!

Semplicemente come tutti, ho vari tipi di passioni e un po per gioco, ma soprattutto come sfida professionale, ho deciso di partire da 0 con un nuovo progetto per vedere cosa riuscivo a fare.

Ho pensato: “Male che và imparerò comunque qualcosa di buono.”

Ebbene nel 2018 comprai il Dominio su SiteGround (il miglio Hosting in circolazione di cui ti parlerò più avanti)

Questo progetto si chiama Bushcrafter (www.bushcrafter.it)

E’ un blog sulla nicchia del Bushcraft (o più in generale sulla tematica Sopravvivenza, Avventura, Esplorazione di zone remote e selvagge).

Eco una foto della home del sito:

Con questo Blog sono riuscito in meno di due anni a farlo diventare un punto di riferimento in Italia nel settore, con una community formata da migliaia di persone e un fatturato che si aggira intorno agli 80.000/anno.

Guarda uno dei tanti video che ho fatto realizzare per documentare le avventure di Bushcrafter:

Come ci sono riuscito nel dettaglio?

Te lo spiego più avanti.

Puoi riuscirci anche tu?

Sì.

Continua a leggere.

Ha ancora senso aprire un Blog nel 2020?

Una delle domande che mi viene fatta più di frequente è: “Ha ancora senso aprire un blog oggi?”.

Perdonami ma ti rispondo con un’altra domanda: Quando cerchi qualcosa dove la cerchi?

Secondo me potresti aver risposto due cose:

  1. Google
  2. YouTube

Google e YouTube rappresentano i due motori di ricerca più usati al mondo (praticamente quasi gli unici).

Google è il motore di ricerca “testuale”, anche se include anche molti video.

YouTube invece è il motore di ricerca dei video.

Pensa che Google è il primo motore di ricerca al mondo e YouTube il secondo.

Simpatico eh?

Per risponderti quindi… il Blog avrà sempre senso finché ci saranno persone che hanno domande e una barra di ricerca in cui scrivere per trovare risposte.

Il Blog è in assoluto il miglior strumento per lanciare una propria attività o promuovere i propri servizi.

A patto che venga realizzato fin da subito con strumenti professionali di cui ti parlerò più avanti.

Caratteristiche di un Blog di successo

La competizione nel mondo del blogging è alta, questo significa che la qualità del tuo blog dovrà a sua volta essere alta, sia in termini di Contenitore (design e usabilità del tuo blog), sia nei Contenuti (gli articoli che produrrai)

Sia nel caso in cui tu sia un professionista che vuole promuovere i propri prodotti o servizi, sia nel caso in cui tu voglia creare un’entrata secondaria, dovrai avere un blog che rispetta queste caratteristiche:

  1. Veloce da navigare
  2. Design moderno e funzionale
  3. Orientato su una nicchia ben precisa
  4. Con contenuti di valore

Molto probabilmente ora ti starai chiedendo: “Oddio ma come faccio a creare tutto questo, non ho studiato per farlo! E poi cos’è una nicchia?”

Con calma ti spiego tutto.

Continua a leggere perché ora arriva il bello.

Come creare un Sito Web/Blog da zero autonomamente

Questo articolo nasce con l’obiettivo di essere un piccolo manuale del “blog di successo”.

Serve per farti capire che è possibile creare un’attività di successo partendo da un blog.

Io ne ho create ben due di attività partendo da un blog, puoi fidarti di me.

Ora ti mostro gli step da seguire e gli strumenti da utilizzare con una rapida spiegazione e poi passeremo a parlare della parte più interessante, i guadagni.

Un sito web è composto da pochi semplici strumenti tra cui:

  • Hosting: è uno spazio virtuale in cui verrà caricato il tuo sito con tutti i suoi elementi (foto, testi, video ecc…).
  • Dominio: è il nome del tuo sito web. www.simonetalamo.it è il mio.
  • Gestionale: è il primo programma da installare che servirà per gestire e amministrare il tuo sito web
  • Tema: Rappresenta la parte grafica del tuo sito web

Quanto costa creare un Blog da soli?

Risposta secca? Se te lo fai da solo, pochissimo!

Le uniche spese che dovrai affrontare sono:

  1. Hosting e Dominio che hanno cadenza annuale e parliamo di 80€/anno per entrambi con SiteGround.
  2. Tema professionale utilizzando Divi, il miglior tema WordPress in circolazione che costa dagli 80€/anno o eventualmente (e te lo consiglio) utilizzando la soluzione vitalizia da 250€. Per vitalizio si intende che avrai aggiornamenti infiniti per tutta la vita senza sborsare 1 solo € in più.

Da cosa comincio?

Andiamo per step. 

Comincia tutto con l’acquisto di un abbonamento di Hosting (con Dominio incluso nel prezzo).

Step 1. Acquisto Hosting + Dominio

quale-server-scegliere-per-il-proprio-sito-web-con-wordpress

La bella notizia come ti dicevo è che sia l’Hosting che il Dominio vengono acquistati insieme e il Gestionale “WordPress” ti verrà installato in automatico in un colpo solo.

Non dovrai fare praticamente nulla da solo, pensano a tutto loro.

Da chi comprare?

In assoluto da SiteGround che è lo stesso Hosting che utilizzo per me e per tutti i miei clienti. 

E’ da molti anni in cima alle classifiche come miglior server al mondo ed eccellente rapporto qualità/prezzo.

FASE 1: Dirigiti sul loro sito web cliccando qui.

FASE 2: Ora clicca sulla voce “Hosting WordPress”

FASE 3: Seleziona il piano StartUp.

Nota: se acquisti i piani superiori, avrai prestazioni ancora più efficienti e potrai creare anche altri siti web appoggiandoli sullo stesso server senza costi aggiuntivi. Prendi in considerazione di partire fin da subito almeno con il GrowBig. Non stai sprecando soldi, li stai investendo per il tuo progetto online.

FASE 4: Scegli il Nome del Dominio del tuo nuovo Blog

Nota: l’estensione .it, .com o altri… non comporta nessun vantaggio o svantaggio in termini di visibilità. Scegli quello che vuoi per il tuo Blog.

FASE 5: Procedi con il pagamento

Non sottovalutare le scelta del Server.

Il Server è di fondamentale importanza perché rende il tuo sito veloce e ti stupiresti di quanto ne guadagni in visibilità nelle ricerche Google.

FASE 7: prima di completare l’acquisto, devi scegliere se integrare altri 3 servizi:

  1. Registrazione dominio: è già incluso GRATIS!
    Si tratta della registrazione del dominio (con Siteground è gratis per tutto il primo anno).
  2. Privacy Dominio: servizio opzionale (che io non uso)
    Quando qualcuno vuole acquistare un dominio già preso, può vedere il nome di chi lo ha registrato (e fare proposte di vendita o di altro tipo). Seleziona questa opzione se, per un valido motivo, NON vuoi che il tuo nome sia visibile.
  3. SG Site Scanner: servizio opzionale (che io non uso)
    Il tuo sito verrà monitorato giornalmente per verificare se sei sotto attacco di qualche hacker. Non è necessario attivarlo, hai comunque tutta la protezione di cui hai bisogno (in ogni caso potrai attivarlo in futuro dal tuo account).

Non ci crederai ma hai fatto il 90% del lavoro! Dico Davvero.

Ora non ti resta che installare il gestionale WordPress seguendo la loro procedura guidata.

Step 2. Installare il gestionale WordPress

Come ti dicevo, l’installazione del gestionale viene fatta da loro.

Dovrai solo farla partire seguendo un percorso guidato dentro la tua nuova area utenti di SiteGround “a prova di scemo”.

Il Gestionale in questione è ovviamente il famosissimo WordPress, che forse avrai sentito già nominare.

Non mi dilungherò molto, ti basta sapere che è il gestionale più usato al mondo per distacco.

Ecco brevemente come fare.

FASE 1
Dopo aver completato l’acquisto, fai click su “procedi alla impostazione dell’account”.

Inserisci nome utente e password che hai scelto in precedenza, e successivamente fare click su “imposta il tuo sito”.

FASE 2
A questo punto fai click sul pulsante “seleziona” del box crea un nuovo sito.

Appariranno 4 opzioni differenti: “WordPress” – “WooCommerce” – “Weebly Sitebuilder” – “Altro”.

Seleziona la prima opzione (WordPress).

Successivamente dovrai scegliere le tue credenziali per l’accesso a WordPress.

IMPORTANTE: le credenziali che sceglierai qui saranno quelle per l’accesso a WordPress, e sono diverse da quelle per l’accesso all’hosting.

NON DIMENTICARE CHE:

  • L’hosting è lo spazio web che ospita il sito
  • WordPress è il programma che consente di gestire il tuo sito

Adesso partirà l’installazione di WordPress.

Ora passiamo all’ultimo step, l’installazione di un Tema per WordPress.

Il Tema come ti ho accennato, serve per tutta la parte grafica del tuo sito web e sarà lo strumento con cui lavorerai di più.

Dopo aver installato il Tema WordPress avrai finito e potrai finalmente dare vita al tuo progetto.

Nota: Dopo avere acquistato il pacchetto di Hosting da SiteGround e installato WordPress con la procedura guidata, potresti non vedere ancora il tuo sito e trovarti una schermata di SiteGround che ti avverte che è in fase di costruzione.

Tranquillo è normalissimo, potrebbero volerci fino a 24h prima di vederlo online. Rilassati e ogni tanto controlla refreshando la pagina del tuo sito web riscrivendo il tuo nome Dominio.

Appena il sito web comparirà, ti troverai di fronte una schermata con una procedura guidata di SiteGround che ti aiuterà a scegliere un Tema WordPress tra quelli gratuiti e ti chiederà se aggiungere qualche Plugin.

Tra i temi proposti, scegli tranquillamente il primo Tema gratuito che trovi perché lo cambieremo subito con uno professionale.

Tra i vari plugin che ti mostra subito dopo aver scelto il tema, seleziona solamente quello per la SEO che si chiama Yoast Seo.

Lascia perdere gli altri e vai avanti, non abbiamo tempo da perdere.

Ma quindi che significa? Hai già il tuo sito web su cui lavorare?

Potenzialmente sì.

Il problema è che i temi gratuiti come puoi ben immaginare, servono per i diari delle ragazzine, non servono a te che hai un progetto più serio. 

Non permettono personalizzazioni, non sono adatti per promuoversi online e non hanno la possibilità di essere implementati con altri strumenti professionali.

Sono utili per chi vuole avere un blog personale così… tanto per averlo.

Quello che a te serve per costruire il tuo sito web professionale e usarlo come strumento di promozione personale è Divi.

Il miglior Tema WordPress: Divi

Divi è un software per creare Siti Web professionali con il vantaggio che non dovrai essere un esperto informatico per farlo.

E’ stato progettato proprio per creare siti web professionali e spettacolari in maniera veloce. 

Ha un potente costruttore visivo e ti permette di spostare, aggiungere, eliminare e modificare tutti gli elementi del tuo sito web visivamente.

Solo per farti un esempio, ecco uno un sito web di cui vado molto fiero perché è quello del mio blog di cui ti parlavo e che ho realizzato con Diviwww.bushcrafter.it

Carino no?

Pensa che è stato messo nella classifica dei migliori siti fatti con Divi proprio dall’azienda stessa.

Con Divi puoi fare veramente di tutto. 

Lo usano i professionisti come me, lo usano le agenzie di web design e lo usano i privati per i propri progetti.

Il limite è solo la fantasia con Divi.

Quanto costa il Tema WordPress Divi?

Al momento mentre ti scrivo ci sono due abbonamenti disponibili:

  1. Annuale: 89 Dollari/anno
  2. Vitalizio: 249 Dollari per tutta la vita (ti consiglio questo)

Sicuramente starai pensando: ora comincio con l’abbonamento annuale poi casomai passo al vitalizio.

Scelta Sbagliata!

Ma allora perché il piano Vitalizio? 

Perché conviene, semplice.

Ogni anno dovresti pagare 89 dollari contro 249/vita ed avere aggiornamenti infiniti e la possibilità di creare infiniti siti web senza dover sborsare più 1 solo €.

Ti stai chiedendo se gli aggiornamenti sono indispensabili?

Sì, sono indispensabili.

Avere gli aggiornamenti è di vitale importanza se vuoi avere un sito:

  • Sicuro
  • Veloce
  • Che non sparisca nel vuoto di punto in bianco
  • Che sia al passo con i tempi
  • Che abbia sempre nuovi strumenti da utilizzare per promuoverti

Detto questo, scegli l’abbonamento che credi migliore per te e completa l’acquisto perché adesso vediamo come installarlo.

Step 3. Scaricare e Installare il Tema Divi

Come creare Siti Web con Divi

Prima di acquistare il Tema Divi potresti chiederti:

“Ma come faccio a lavorarci se non sono un esperto?”

Divi ha l’incredibile possibilità di farti cominciare con design preimpostati

e costruiti alla perfezione.

Sono graficamente spettacolari e puoi caricarli con un solo click ed utilizzarli come punto di partenza del tuo blog.

Praticamente puoi passare dal non avere un sito web ad averne uno spettacolare in 2 giorni, non è fantastico?

Dopo aver completato l’acquisto, vai nella schermata dei Download e scarica il Tema Divi (solo quello).

Adesso ritorna sul tuo sito web e accedi alla tua area di amministrazione scrivendo nel campo dell’Url il nome del tuo sito seguito da “/wp-admin” che sta per “WordPress Admin”, quindi “www.nomesito.it/wp-admin“. Guarda la foto.

Esempio fatto con il mio sito web di Bushcrafter

Questo passaggio serve per richiamare semplicemente la pagina da cui fare il login per amministrare il sito web.

Il nome utente e password sono quelli inseriti durante l’installazione di WordPress di prima, ricordi? Se non ricordi fai il recupera password o il recupera nome utente.

Clicca “invio” e la schermata che avrai davanti è questa:

Una volta fatto il login ti troverai di fronte a questo:

“Potresti vedere qualcosa in meno perché il tuo sito web è nuovo di zecca rispetto al mio della foto”

Adesso devi installare Divi. Per farlo vai nel menu di sinistra e passa con il mouse sula voce “Aspetto” e poi clicca “Temi“.

Poi clicca in alto sul pulsante “Aggiungi Nuovo” e poi su “Carica Tema

Io in questa foto ho già Divi installato ma tu avrai una schermata con altri temi. Il procedimento è lo stesso.

Poi carica il file Divi.zip che hai scaricato in precedenza “carica il file compresso così come lo vedi”.

Adesso ritorna su “Temi”, vai su “Divi” e clicca “Attiva

Adesso se esci dalla tua area utenti e visiti la Home del tuo sito web dovresti vedere una schermata simile a questa:

Significa che hai installato correttamente il Tema Divi. Ora ti guido verso le ultime modifiche fondamentali e sei pronto a lavorarci.

Adesso entra di nuovo nell’area di amministrazione. Se sei ancora non sei uscito del tutto puoi accedere alla tua area cliccando sul menu nero che trovi in alto sulla voce “Bacheca”. Guarda foto.

Scorri con il mouse sul nome del tuo sito e clicca su “Bacheca”.

Adesso clicca vai sul menu di sinistra e clicca su “Pagine” e poi “Aggiungi Pagina“.

Adesso ti troverai una schermata simile a questa:

Clicca in alto sul pulsante viola “Usa Builder Divi” e adesso arriva il bello. Hai praticamente finito.

Ti chiederà da cosa vuoi cominciare scegliendo fra 3 opzioni differenti:

  1. Parti da una pagina bianca e inizia a costruire da zero
  2. Parti da un layout predefinito
  3. Parti da una pagina già costruita da te

Scegli la seconda opzione, quella al centro e ti si aprirà una schermata con decine e decine di layout differenti e che puoi usare da subito.

Ora non ti resta che scegliere quello più adatto a te e cominciare a creare la tua Home Page.

Sappi però che puoi scegliere il layout che più ti piace e personalizzarlo come preferisci, non hai limiti.

Quando avrai scelto quello che ti piace di più, selezionalo e poi clicca su “Usa Layout“.

“Nella foto ne ho preso uno a caso.”

Adesso avrai caricato tutta la grafica del Layout e puoi cominciare a lavorarci. Non aver paura di rovinarlo, puoi sempre importarlo da 0 e ricominciare oppure sostituirlo con un altro.

Quando avrai più o meno completato la grafica della tua pagina puoi decidere di “salvarla in bozza” per completarla più avanti o di “pubblicarla” e renderla quindi online a tutti gli effetti.

Per entrambe le cose devi usare il menu che trovi in basso.

Una volta che avrai pubblicato la tua foto ti rimangono da fare solo altre due cose:

  1. Usarla come Home Page del tuo nuovo sito web
  2. Metterla nel menu in alto

Per farla diventare la Home del tuo sito, vai sul solito menu di sinistra nella tua area utenti, clicca su “Impostazioni” e clicca su “Lettura“.

Sulla prima sezione, “la tua homepage mostra”, spunta “Una pagina statica” e seleziona “l’unica” pagina da te creata e pubblicata.

Fatto questo ora avrai la tua homepage.

Adesso è importante mostrare questa pagina e le altre che dovrai creare, nel tuo menu.

Per creare e personalizzare solo le “voci” del menu e non la sua grafica, devi andare sempre sul menu di sinistra e cliccare “Aspetto” e poi su “Menu”.

La schermata che avrai di fronte sarà simile a questa:

Chiama il tuo primo menu “Menu Principale” e clicca sul pulsante a destra “Crea Menu“.

Adesso non ti resta che selezionare sull’elenco di sinistra, la tua pagina creata in precedenza e cliccare su “Aggiungi al Menu“.

Adesso spunta in basso la voce “Menu Primario” e clicca su “Salva Menu“.

Se avrai seguito tutti i passaggi correttamente, adesso troverai nella Home del tuo sito, il tuo menu con l’unica pagina pubblicata che avrai inserito.

Ora puoi continuare seguendo lo stesso procedimento con tutte le altre pagine, saltando ovviamente la parte iniziale per impostare la “Home” “ovviamente va fatto una sola volta perché una sola sarà la Home”.

WOW! Se sei arrivato fin qui significa che hai praticamente finito!

Possiamo parlare finalmente di come guadagnare con Blog!

Cominciamo!

Guadagnare con un Blog

Finalmente parliamo della cosa che forse ti interessa maggiormente: LA MONETIZZAZIONE

Quanti modi ci sono per guadagnare con un Blog e quanto si può arrivare a guadagnare?

Di modi per guadagnare con un Blog ce ne sono moltissimi, ma nel caos delle informazioni che si trovano su internet voglio differenziarmi, dandoti direttamente le fonti di guadagno che reputo più idonee, profittevoli e a lungo periodo.

Per iniziare: Guadagnare con le Affiliazioni

Ne avrai forse già sentito parlare e probabilmente ti sarai già imbattuto in qualche “guru” che prova a venderti il sogno di una vita da milionario senza fare nulla grazie alle affiliazioni.

Beh nonostante tutti questi “guru” facciamo passare questo messaggio sbagliato che ci porta a pensare marcio sul mondo delle affiliazioni, in realtà quello che viene chiamato “affiliate marketing” è un buon modo per cominciare.

L’Affiliate Marketing (a volte erroneamente chiamato Affiliation Marketing) è un sistema promozionale basato su un accordo dove i venditori online (merchant) permettono di pubblicizzare i loro prodotti e servizi su un sito web diverso da quello aziendale, gestito dagli affiliati (publisher, noi). 

Il merchant riconosce una commissione al Publisher quanto un visitatore proveniente dal suo sito, completa un acquisto.

Sulle creatività fornite dal merchant al publisher vi è incluso un codice di tracciamento identificativo, in modo che la piattaforma di affiliazione riesca ad assegnare ogni vendita al relativo publisher che l’ha generata.

Uno dei programmi di affiliazioni più diffusi è quello di Amazon.

Come funziona l’affiliazione di Amazon?

Iscrivendoti al loro programma di affiliazione, avrai la possibilità di avere un link univoco per ogni prodotto dello Shop Amazon.

Prendendo quel link e condividendolo avrai la possibilità di guadagnare nel caso in cui un utenti ci clicchi sopra e acquisti QUALSIASI cosa, entro 24h dal click.

Mi spiego meglio.

Ipotizziamo che io abbia un Blog in cui parlo di cosmetica.

In questo blog scrivo guide su come ci si trucca e fra queste guide consiglio anche una marca particolare di trucco.

Quello che devo fare è andare su Amazon, cercare quel trucco, copiare il link da affiliato (non quello normale che hanno tutti) e incollarlo sul mio sito, lì dove sto parlando di quel prodotto.

Se un lettore, clicca su quel link per vedere il prodotto su Amazon, diventa un mio potenziale cliente per 24h di tempo.

Questo significa che se acquista QUALSIASI COSA, all’interno di Amazon, tu percepisci una commissione.

Perché percepisci una commissione anche se non compra il prodotto che consigli ma ne compra un altro?

Perché Amazon ti riconosce comunque il fatto che sia stato tu ad aver portato quell’utente sul loro sito e ti “premia” per questo, (a patto che questa persona effettui un acquisto chiaramente).

Le commissioni con Amazon vanno dal 3 al 10/12% (a volte vengono cambiate) del valore del prodotto acquistato e ti paga ogni fine mese del totale delle commissioni accumulate.

Perché ti ho parlato di questo programma?

Perché con il mio progetto (Bushcrafter) io cominciai proprio così!

Che emozione vedere la mia prima commissione di 90 centesimi perché qualcuno aveva acquistato un prodotto consigliato da me.

Non era un discorso di guadagni ovviamente, ma vedevo funzionare una cosa creata da me da zero.

La cosa bella è che molto spesso quando una persona entra su Amazon, generalmente acquista molti più prodotti insieme.

Tu prendi la commissione su tutto quello che compra!

Le affiliazioni di Amazon sono un buon elemento da inserire come indotto aggiuntivo al tuo business perché possiede prodotti per qualsiasi tipo di settore e le persone conoscono e si fidano del brand.

Non ti resta che far sì che si fidino anche dei tuoi consigli.

Ecco una schermata dei miei guadagni provenienti dalli affiliazioni Amazon nel mese di Marzo 2020:

Vuoi un esempio rapido di quanti blog lavorano con le affiliazioni Amazon?

Prova a cercare su Google “miglior … da comprare” oppure “recensione/opinioni su …”.

Noterai tantissimi articoli dove recensiscono prodotti e linkano ad Amazon o altri Brand.

Ecco… guadagnano tutti dalle affiliazioni.

Anche lo stesso famosissimo YouTuber Andrea Galeazzi guadagna in questo modo (possiede sia una canale YouTube enorme, sia un blog pieno zeppo di traffico) e guadagna molto bene attraverso questo sistema.

Strumenti per lavorare con le Affiliazioni Amazon

Registrarsi al programma di affiliazione Amazon è gratuito e puoi farlo in pochissimi minuti.

Una volta che avrai il tuo account da affiliato non ti resta che dirigerti sul prodotto di cui vuoi parlare nel tuo articolo e andare a prendere il tuo link da affiliato che trovi in alto a sinistra.

Guarda la foto di un oggetto preso a caso per capire da dove si prende il link da Affiliato:

Ora devi copiare quel link e incollarlo nel testo.

Facendo questo avrai la possibilità di generare delle vendite ma potresti aumentare a dismisura il tasso di conversione utilizzando un semplice ed economico strumento.

Si chiama AAWP (Amazon Affiliate WordPress Plugin)

E’ in assoluto il miglior plugin per WordPress in circolazione per chiunque voglia lavorare SUL SERIO e guadagnare con il programma di Affiliazione Amazon.

Perché dico questo?

Grazie ad AAWP hai la possibilità di inserire delle tabelle comparative, lista dei Bestseller, lista dei nuovi usciti o semplici schermate dei prodotti che vengono costantemente aggiornati in base alle variazioni di Amazon.

Ad esempio se il prezzo di un determinato oggetto cambia, sul tuo sito si aggiornerà in automatico. Lo stesso discorso vale per le recensioni.

Inoltre come dicevo hai la possibilità di inserire 2 o più oggetti uno di fianco all’altro come tabella comparativa.

Le tabelle comparative sono estremamente utili agli utenti e riescono a far convertire molto bene perché hanno da subito un idea chiara delle differenze.

Ecco un esempio di tabella comparativa:

Ecco invece come appare una tabella comparativa specifica sui dettagli del prodotto:

Oppure la lista dei Bestseller o dei nuovi arrivi:

Insomma, con AAWP potete portare il vostro Blog di Affiliazioni Amazon ad un livello superiore.

Se volete conoscere tutte le funzioni di questo Plugin per WordPress cliccate qui per andare nella Demo.

Altri tipi di affiliazione

Il mercato delle affiliazioni è in fortissima espansione e sempre più brand noti stanno creando i propri programmi.

Ce ne sono tantissimi a cui partecipare e ci sono addirittura alcuni Network che ne mettono insieme molti.

Mediamente le percentuali di commissioni sono intorno al 10% tranne per i settori della finanza e software in cui le commissioni sono molto più alte (anche 50/70%).

Esistono programmi in qualsiasi settore:

  • Viaggi
  • Sport
  • Abbigliamento
  • Attrezzature di lavoro
  • Cibo e integratori
  • Finanza (guadagni molto alti)
  • Software (guadagni molto alti)

Costruite il vostro pubblico scrivendo su argomenti relativi alla vostra nicchia e, una volta che avete un pubblico, potete trovare prodotti da reti di affiliazione come:

Potresti affiliarti a Decathlon, Booking, TripAdvisor, Nike. Sono davvero troppi per essere elencati tutti.

Quanto si può guadagnare con le affiliazioni?

Ovviamente dipende da tantissimi fattori, però voglio darti un po di numeri così da riuscire a fare due conti.

Io con il mio Blog www.bushcrafter.it guadagno intorno ai 350/500€ mensili solo dalle affiliazioni con Amazon e ricevo un traffico sul sito web di 10 mila utenti al mese con circa 70 articoli pubblicati.

Sono tanti? Sono pochi?

Io la considero un’entrata secondaria, perfetta per chi vuole cominciare da 0 o vuole integrarlo al suo principale servizio.

Io ad esempio con il mio Blog non ho puntato solo sulle Affiliazioni, bensì ho creato un’azienda vera e propria con cui organizzo corsi di sopravvivenza e viaggi avventura.

Le affiliazioni per me sono un’entrata secondaria ed è quello che consiglio di fare anche a te.

Ci sono moltissime persone persone però che hanno costruito la loro intera attività basandosi sulle affiliazioni.

Uno di quelli che seguo con maggiore interesse è Ryan Robinson che sul suo Blog crea delle lunghe guide parlando dei software che utilizza e ogni mese pubblica i suoi guadagni da decine di migliaia di €.

Ad esempio nel mese di Settembre 2020 ecco che risultati ha raggiunto:

Puoi leggere l’intero articolo dei guadagni del mese di settembre 2020 cliccando qui

Ovviamente parlando in inglese raggiunge un pubblico molto vasto, basti pensare che per generare un entrata di 43 mila dollari ha ricevuto solo nel mese di Settembre 2020 un traffico di più 255 mila persone uniche (in un solo mese).

Se parlare in inglese ti apre a tutto il mondo, è vero anche che i competitor diventano molti ma molti di più.

Scrivendo in italiano è difficile raggiungere questi numeri specialmente parlando della nicchia dei software per il web, però abbiamo il grande vantaggio di avere pochissimi competitor.

Questo ci permette di raggiungere più in fretta dei risultati.

Inoltre, anche se ottieni poche visite ma parli nella nicchia di finanza o software, avrai buone possibilità di monetizzare bene perché sono due settori che pagano commissioni molto più alte rispetto ad Amazon e il tracciamento dei link non dura solo 24h bensì mesi o addirittura anni.

Recentemente mi ha contattato un azienda (seria) proponendomi di affiliarmi a loro software di gestione della p.iva.

Se portavo una persona sul loro sito il tracciamento dell’utente avveniva per 59 anni.

Mi viene da ridere anche mentre lo scrivo e si mise a ridere anche l’addetto al telefono quando glielo chiesi.

Significa che se un utente clicca sul mio link che porta al loro sito, ho 59 anni di tempo affinché questo utente sottoscriva un abbonamento e io percepisca la mia commissione di 50€.

Mi avevano fornito inoltre anche un Coupon di sconto di 50€ per incentivare le persone.

Sembra assurdo ma è sensato, hanno comunque il loro guadagno e premiano noi publisher per l’impegno.

In genere comunque i tracciamenti così lunghi avvengono per prodotti o servizi relativamente costosi quindi una persona richiede più tempo prima di spendere i propri soldi.

Per intenderci, un conto è comprare un trucco a 40€ su Amazon e un conto è sottoscrivere un abbonamento da 2/3/400€ no?

Per fare un esempio in Italia di persona che guadagna molto bene dalle Affiliazioni, possiamo parlare del Blog di Andrea Galeazzi.

Nella sua intervista con Marco Montemagno dichiara apertamente che il grosso delle sue entrate proviene proprio dalle affiliazioni con Amazon.

Ecco il punto esatto in cui ne parla:

Vendere prodotti digitali/infoprodotti

Il secondo metodo per guadagnare con un Blog è la vendita di prodotti digitali e/o infoprodotti.

Cosa significa?

Significa la vendita di:

  1. eBook
  2. Videocorsi
  3. Altri prodotti digitali

La vendita di prodotti digitali è un eccellente metodo di monetizzazione perché ha margini di guadagno altissimi.

Fondamentalmente il prodotto digitale richiede lo sforzo e l’investimento iniziale nella fase di creazione, dopodiché possiamo venderlo in tutta Italia (o in tutto il mondo) senza aver nessun costo di produzione, spedizione o altro.

Uno dei primi metodi per guadagnare con un Blog infatti è proprio l’eBook.

Dopo aver costruito la tua prima community di lettori appassionati del tuo stesso argomento, ti basterà confezionare tutti gli articoli scritti in un eBook, aggiungendo un 10% in più in esclusiva e lanciarlo sul mercato.

Con il mio secondo blog (www.bushcrafter.it) feci così e in due giorni ad un prezzo di lancio scontato di 10€ invece di 15€ feci 98 vendite su una lista email di 1000 contatti.

Avevo calcolato infatti che un 10% di persone lo avesse acquistato, così ho aspettato di arrivare a 1000 utenti registrati alla mia newsletter prima di venderlo.

Risultato? 980€ in due giorni.

I miei calcoli erano giusti quindi.

Lo stesso identico procedimento lo puoi applicare su un videocorso, ovviamente a prezzi ben più alti.

Ci sono però moltissimi altri tipi di prodotti digitali da poter vendere.

Solo per farti un esempio, ho visto tantissimi fotografi con dei profili Instagram molto seguiti che vendevano i loro preset di Lightroom (un programma per modificare le foto).

Puoi vendere le tue canzoni se sei un musicista, puoi vendere quello che preferisci.

L’importante è che ci siano persone pronte ad acquistarle e quindi un mercato attivo.

Se tu fossi un appassionato di aquiloni, non credo ci sia la possibilità di riuscire a ricavare soldi dalla vendita di corsi o eBook che parlano di aquiloni non credi?

Vendi i tuoi servizi

Questa è l’ultimo metodo per monetizzare che ti elenco in questo articolo ed è anche quello più rapido da cui partire per avere da subito un ritorno di guadagno interessante.

E’ il più antico di tutti: offri i tuoi servizi.

Offrire i propri servizi è il sistema di monetizzazione più rapido da applicare e uno dei più profittevoli.

Non ti serve altro che creare una pagina nel tuo blog dove parli dei servizi che offri e linkare questa pagina in tutti gli articoli del tuo blog.

Puoi offrire servizi a distanza come Consulenze oppure servizi fisici.

Io con il mio secondo Blog ad esempio, oltre a guadagnare dalle affiliazioni e da prodotti digitali, organizzo Corsi di Sopravvivenza in tutta Italia.

La vendita dei servizi inoltre è un buon modo anche per chi comincia.

Ti permette di finanziare fin da subito il tuo progetto per poi realizzare solo in futuro, quando le persone si fidano abbastanza di te e la tua community è abbastanza grande e affiatata, i tuoi videocorsi e/o di alzare i prezzi dei tuoi servizi per guadagnare sempre di più.

La cosa più importante di tutte: scegli la tua Nicchia

Un Blog per avere successo deve parlare ad una nicchia specifica di persone.

Sarebbe bello poter parlare di decine di argomenti per piacere a chiunque e avere un pubblico enorme di lettori.

Però questo sistema non funziona perché se parli a tutti, in realtà non parli a nessuno.

Quindi ora che ti trovi davanti al tuo computer per scrivere il primo articolo, prima di cominciare a battere le prima parole, cerca di capire bene per chi le stai scrivendo.

Ora ti aiuto io a farlo.

Come si trova una nicchia di mercato?

Beh ci sono molte strade da percorrere ma non voglio riempirti di informazioni per poi mandarti in confusione, preferisco dirti quello che secondo me è il metodo migliore a patto che tu abbia abbastanza ingegno e fantasia.

Se non hai un attività e vuoi aprirne una, ti consiglio di cominciare ad analizzare bene quali sono le tue passioni più grandi o dalle tue migliori skills.

Tutti abbiamo degli interessi, delle passioni o delle capacità che rispetto ai nostri amici sono più sviluppate, devi solo pensarci bene per poi capire se c’è mercato. Prenditi del tempo, non è una cosa da fare in un pomeriggio, a volte ci vogliono mesi.

Se invece hai già una tua attività avviata, concentrati di servire solo su una determinata categoria di persone studiando bene le abitudini che hanno e perché scelgono te.

Ti faccio un rapido esempio per spiegarti meglio questo concetto:

Sei un personal trainer? Aiuti uomini, donne, bambini, adulti, sportivi, persone in sovrappeso ecc…? Anche se hai le competenze per poter allenare chiunque, non dovresti farlo.

Ti spiego subito perché:

  1. Se sono una persona in sovrappeso, sceglierò sicuramente un personal trainer che dice di essere specializzato nel dimagrimento di persone sovrappeso.
  2. Se sono un uomo mi farebbe piacere essere allenato da un personal trainer specializzato ad allenare uomini e così via…

Il famoso personal trainer francese Jean-Pierre De Villiers ad esempio, si è specializzato scegliendo di allenare solo imprenditori che guadagnano dalle 400 mila sterline in su l’anno e che viaggiano molto per lavoro. Ha scelto di seguire pochissimi clienti l’anno e ovviamente viene pagato profumatamente.

“Dimenticavo, ha anche una lista d’attesa lunga svariati mesi.”

Ora che hai trovato un argomento su cui entrare più in profondità, sei pronto per capire se c’è mercato e per capirlo puoi farlo navigando su Google e nei vari gruppi Facebook a tema, alla ricerca di tutti quelli che operano nello stesso settore e di eventuali community online a tema.

  • Ci sono Community?
  • Di cosa parlano?
  • Opera qualcuno nel settore?
  • Quanti sono?
  • Cosa vendono?
  • Come lo vendono?
  • C’è interesse attorno a quell’argomento?

A questo punto se ci sono persone interessate in quella nicchia, possono presentarsi 3 opzioni:

  1. Non troviamo competitor, forse non c’è mercato
  2. E’ pieno zeppo di aziende che sono nello stesso mercato
  3. Sembra esserci qualche competitor ma niente di speciale

La prima opzione può sembrare apparentemente negativa.

La maggior parte delle persone non crede di poter essere la prima o una delle prime ad aver pensato di avviare un attività su quell’argomento di cui pare non ne parli nessuno.

La realtà il più delle volte è che sicuramente in molti ci hanno già pensato ma nessuno ha agito.

Quindi cosa aspetti? Fai partire il tuo progetto e cerca di essere perseverante.

Nella seconda opzione sicuramente non sarà facile entrare, a patto che le aziende in questione non si siano innovate proprio perché non ne hanno sentito il bisogno oppure sei convinto di poter fare molto meglio.

Anche la terza opzione è valida.

Hai qualche competitor ma non troppi e sembra quindi esserci mercato.

A questo punto trova una chiave differenziante da loro e presenta sul mercato la tua idea.

Sappi che a volte per differenziarti dai tuoi competitor, non devi per forza rivoluzionare il tuo settore, ti basta comunicare lo stesso prodotto/servizio in modo nuovo e/o innovativo.

Magari trovi un settore con decine di competitor ma con siti web dei primi anni 90, pagine Facebook gestite da cani con 200 follower, Instagram inesistente, YouTube (cosa? cos’è YouTube? Io conosco YouPorn…). Capita.

Se questa è la situazione, entra e spacca tutto.

In definitiva, cerca di verticalizzare la tua attività chiudendo il cerchio e cercando di dominarlo.

Genera la tua lista di contatti e crea la tua Community

Adesso hai tutto al posto giusto.

Hai Hosting perfetto e performante di cui fidarti, un Sito Web spettacolare costruito con Divi ed hai individuato la tua nicchia di riferimento.

Ti resta solo di costruire la tua Lista di Contatti.

Per poter guadagnare con un Blog, sia che tu decida di farlo solo con le Affiliazioni o vendendo prodotti oppure offrendo servizi dovrai creare una lista di persone interessate a quello he hai da dire.

Formeranno le fondamenta del tuo Business e ti darà modo di avere lettori ricorrenti del tuo Blog.

Per creare la tua lista di contatti non dovrai far altro che creare un Lead Magnet).

Il Lead Magnet è un Magnete che attiri le persone e che ci permetta di acquisire il loro contatto.

Ma in pratica?

Il Lead Magnet è la cosa che diamo in cambio al visitatore per ricevere la sua email.

Ti sarà già capitato di imbatterti in un sito e di leggere da qualche parte (scarica il report gratuito su… oppure Scarica questa guida gratuita oppure ottieni 3 video gratuiti su… ecc.. ecc…).

Bene… sono tutti Lead Magnet.

Per farti iscrivere troverai moduli tipo questo della foto:

Sì esatto… è il mio, o quantomeno uno dei tanti a seconda di quello che voglio promuovere.

Ci sono tantissimi tipi di Lead Magnet che puoi realizzare ma i più usati sono:

1. Video Guide/Mini Video-Corsi

2. Pdf/eBook

Ovviamente è preferibile un video ma per cominciare può andar bene anche un Pdf, l’unica caratteristica che deve però avere il tuo lead magnet è che deve creare VALORE.

Deve essere una cosa realmente utile, facile da poter consumare e che dia un immediato aiuto alle persone.

In base alla nicchia che hai scelto, ragiona su un Lead Magnet che potrebbe essere interessante e di aiuto.

Se una persona arriva sul tuo Blog o trova il tuo annuncio dove promuovi questo contenuto gratuito, non ci penserà due volte prima di scaricarlo.

Il Lead Magnet come avrai capito è la MONETA DI SCAMBIO tra te e il contatto del tuo potenziale cliente o del tuo lettore.

Tu risolvi un problema a lui, lui ti da il suo contatto email.

Domanda: Ma perché ci serve un Lead Magnet? Non possiamo indirizzare le persone direttamente al contatto e all’acquisto dei nostri prodotti e servizi?

Risposta: Certo che sì. Nei miei articoli o nei miei video, inserisco sempre anche io il richiamo al mio contatto e non al mio Lead Magnet ma nonostante tutto bisogna averne uno.

Ora ti spiego perché…

Il Lead Magnet, serve per avere la possibilità di poter entrare in contatto più volte con la stessa persona e quindi di massimizzare i nostri profitti.

Se siamo dei professionisti che offrono i propri servizi abbiamo modo di convincerli nel tempo a scegliere noi.

Se invece guadagniamo con le Affiliazioni per esempio, abbiamo la possibilità di avere lettori ricorrenti che cliccano sui nostri link e che ci faranno guadagnare nel tempo senza troppi sforzi.

Con il Tema WordPress Divi puoi creare facilmente un Modulo per ottenere l’email del visitatore in cambio del Lead Magnet e puoi collegare questo modulo ad un Gestionale di Email Marketing che immagazzina tutti i contatti dentro una lista.

Conclusioni

simone talamo esperto web marketing

Spero che questo articolo ti sia stato di aiuto per la realizzazione del tuo Blog professionale con Divi e utilizzando il server SiteGround.

Se hai bisogno di una Consulenza Professionale o vuoi che mi occupi io della realizzazione del tuo progetto online puoi contattarmi cliccando qui.

Se vuoi seguire le mie guide mi trovi anche su Youtube. Se vuoi conoscermi più di persona invece, seguimi su Instagram.

Ti auguro tutto il successo che meriti.

Un abbraccio,
Simone

Condividi l’articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SIMONE-TALAMO

Vuoi aumentare i tuo clienti promuovendoti online?