Come trovare una nicchia di mercato scoperta o crearne una nuova

Tu che stai leggendo, hai una tua attività o hai in mente un progetto che vuoi realizzare?

Allora leggi cosa ho da dirti perché sto per rivelarti una delle cose cose più importanti che negli anni ho capito e che possono determinare il successo o il fallimento del tuo business.

Presta attenzione, quello che ho da dirti oggi vale moltissimo.

Una delle frasi che ho sentito pronunciare più spesso dai miei clienti è stata: “ma se riesco ad avere un prodotto/servizio che possa interessare a più persone possibili, avrò tantissimi clienti giusto?”.

Questa affermazione è una delle più sbagliate che si possa mai pronunciare, sintomo che anche qui c’è una forte necessità di una consulenza di un esperto che ti dica ESATTAMENTE cosa dove fare, quando e come, affinché il tuo progetto abbia il successo che “forse” merita di avere.

Purtroppo si tende a credere di dover realizzare necessariamente un prodotto o un servizio che faccia felici tutti. Nulla di più sbagliato.

Perché dico questo? Presta attenzione.

Generalmente noi tutti in realtà vorremmo piacere a tutto il resto del mondo, sia in ambito sociale sia con la nostra azienda e con i nostri prodotti. E’ nella nostra indole perché piacere a tutti significa non avere nemici, non avere persone che la pensano diversamente da noi e quindi significa avere meno problemi in generale.

Immagina che bello avere un prodotto che piaccia a grandi e bambini, a sportivi e sedentari, ad amanti del mare e della montagna e così via… insomma a chiunque.

Sarebbe bellissimo non credi?

In effetti se riesci a trovare un prodotto e/o servizio del genere, sei in banca!

Ovviamente vale solo se questo prodotto/servizio lo riesci a trovare in in un mercato non saturo.

“Lo so anche io che la carta igienica ad esempio la usano tutti ma questo è un perfetto esempio di mercato saturo, ovvero un mercato in cui non può entrare più nessun player. E’ in mano a poche persone e resterà così per sempre, ovviamente a patto che non sia un enorme innovazione nel settore.”

Quindi, come possiamo fare con la nostra attuale azienda oppure creandone una nuova, ad avere il successo che puntiamo ad ottenere?

  • Trovare una nicchia scoperta o crearsi una nicchia.
  • Parlare a poche persone e non a tanti e tutti.
  • Essere il pesce più grande di un piccolo lago piuttosto che un pesce piccolo in un oceano.

Ci sono tantissimi nicchie che aspettano solo di essere scoperte e ci sono tantissime persone con interessi specifici, pronte ad acquistare prodotti e servizi che però non vengono ancora venduti da nessuno.

Cosa aspetti?

“Ok Simone ma come si trova una nicchia scoperta e come faccio se ho già un attività?”

Ora ti do qualche suggerimento.

 

Come trovare una nicchia scoperta o crearne una nuova per aprire un nuovo business o far crescere quello attuale

Aprire-un-business-in-una-nicchia-scoperta

Beh ci sono molte strade da percorrere ma non voglio riempirti di informazioni per poi mandarti in confusione, preferisco dirti quello che secondo me è il metodo migliore a patto che tu abbia abbastanza ingegno e fantasia.

Se non hai un attività e vuoi aprirne una, ti consiglio di cominciare ad analizzare bene quali sono le tue passioni più grandi o dalle tue migliori skills.

Tutti abbiamo degli interessi, delle passioni o delle capacità che rispetto ai nostri amici sono più sviluppate, devi solo pensarci bene per poi capire se c’è mercato. Prenditi del tempo, non è una cosa da fare in un pomeriggio, a volte ci vogliono mesi.

Se invece hai già una tua attività avviata, concentrati di servire solo su una determinata categoria di persone studiando bene le abitudini che hanno e perché scelgono te.

Ti faccio un rapido esempio per spiegarti meglio questo concetto:

Sei un personal trainer? Aiuti uomini, donne, bambini, adulti, sportivi, persone in sovrappeso ecc…? Anche se hai le competenze per poter allenare chiunque, non dovresti farlo.

Ti spiego subito perché:

  1. Se sono una persona in sovrappeso, sceglierò sicuramente un personal trainer che dice di essere specializzato nel dimagrimento di persone sovrappeso.
  2. Se sono un uomo mi farebbe piacere essere allenato da un personal trainer specializzato ad allenare uomini e così via…

Il famoso personal trainer francese Jean-Pierre De Villiers ad esempio, si è specializzato scegliendo di allenare solo imprenditori che guadagnano dalle 400 mila sterline in su l’anno e che viaggiano molto per lavoro. Ha scelto di seguire pochissimi clienti l’anno e ovviamente viene pagato profumatamente.

“Dimenticavo, ha anche una lista d’attesa lunga svariati mesi.”

Ora che hai trovato un argomento su cui entrare più in profondità, sei pronto per capire se c’è mercato e per capirlo puoi farlo navigando su Google e nei vari gruppi Facebook a tema, alla ricerca di tutti quelli che operano nello stesso settore e di eventuali community online a tema.

  • Ci sono Community?
  • Di cosa parlano?
  • Opera qualcuno nel settore?
  • Quanti sono?
  • Cosa vendono?
  • Come lo vendono?
  • C’è interesse attorno a quell’argomento?

A questo punto se ci sono persone interessate in quella nicchia, possono presentarsi 3 opzioni:

  1. Non troviamo competitor, forse non c’è mercato
  2. E’ pieno zeppo di aziende che sono nello stesso mercato
  3. Sembra esserci qualche competitor ma niente di speciale

La prima opzione può sembrare apparentemente negativa. La maggior parte delle persone non crede di poter essere la prima o una delle prime ad aver pensato di avviare un attività su quell’argomento di cui pare non ne parli nessuno. La realtà il più delle volte è che sicuramente in molti ci hanno già pensato ma nessuno ha agito. Quindi cosa aspetti? Fai partire il tuo progetto e cerca di essere perseverante.

Nella seconda opzione sicuramente non sarà facile entrare, a patto che le aziende in questione non si siano innovate proprio perché non ne hanno sentito il bisogno oppure sei convinto di poter fare molto meglio.

Anche la terza opzione è valida. Hai qualche competitor ma non troppi e sembra quindi esserci mercato. A questo punto trova una chiave differenziante da loro e presenta sul mercato la tua idea.

Sappi che a volte per differenziarti dai tuoi competitor, non devi per forza rivoluzionare il tuo settore, ti basta comunicare lo stesso prodotto/servizio in modo nuovo e/o innovativo.

Magari trovi un settore con decine di competitor ma con siti web dei primi anni 90, pagine Facebook gestite da cani con 200 follower, Instagram inesistente, YouTube (cosa? cos’è YouTube? Io conosco YouPorn…). Capita.

Se questa è la situazione, entra e spacca tutto.

Investi per creare un sito web che non sia una semplice vetrina ma che faccia già assaporare il prodotto o servizio che vuoi vendere, crea contenuti interessanti, comunica sui social in modo informale, fresco e giovanile, mettici la faccia, crea video su YouTube, estrapola l’audio dai tuoi video e fanne un Podcast, sbobina il testo dei tuoi video e fanne degli articoli da condividere sul tuo blog, investi in pubblicità a pagamento e così via…

Le persone non comprano prodotti, comprano i risultati che questi prodotti producono

In definitiva, cerca di verticalizzare la tua attività chiudendo il cerchio e cercando di dominarlo.

Spero di averti aiutato condividendo questi consigli preziosi, se intendi investire nel tuo business o nel tuo nuovo progetto, puoi contattarmi oggi stesso cliccando qui.

Anche per oggi è tutto.

Un abbraccio,
Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *